stampa la pagina

Il controllo dal veterinario




Lo stato d’ansia con cui il gatto vive gli spostamenti in generale, e quello finalizzato alla visita dal veterinario in particolare, difficilmente si andrà attenuando nel tempo. Di sicuro, quello che possiamo fare per metterlo a suo agio il più possibile è scegliere un medico “a misura di gatto”. I consigli dei vicini di casa e di amici, naturalmente, sono sempre ben accetti ma altre informazioni utili potremo raccoglierle sui siti internet specializzati. Ecco, comunque, alcuni aspetti da considerare nella scelta del veterinario e della clinica: è buona prassi che la sala d’aspetto dell’ambulatorio contenga una buona selezione di “letteratura felina” (opuscoli e riviste di settore) oltre che opuscoli e depliant su medicinali e consigli sull’alimentazione. È auspicabile che, a disposizione degli utenti, vi siano anche accessori per la somministrazione di farmaci e prodotti da provare per la sua igiene dentale. Meglio scartare gli ambulatori che non hanno sale d’aspetto separate per cani e gatti.
È utile che ci siano mensole o altri sedili su cui appoggiare il trasportino per evitare di lasciarlo a terra: quando il gatto ha paura, infatti, ha bisogno di stare il più in alto possibile. Dobbiamo aspettarci, inoltre, che lo staff della clinica mostri interesse non solo nei confronti del paziente, ma anche nei nostri e che registri tutti gli aspetti legati alla sua storia medica e delle sue esperienze passate, anche se è ancora molto piccolo.
Infine, alcune informazioni di cui è fondamentale disporre: i giorni di accesso libero all’ambulatorio, per sapere quando poterci andare senza appuntamento; gli eventuali incontri finalizzati all’orientamento per i nuovi pazienti, organizzati dalla struttura. Ancora, è consigliabile informarsi sull’assistenza in caso di emergenza e chiedere numeri e indirizzi di altri possibili referenti da utilizzare in caso di imprevisti e da tenere sempre a portata di mano.     
 




Indietro
Il gigante supermercati
tutte le news