stampa la pagina

Adozione a distanza




E’ il regalo che non ti aspetti. Eppure in tanti negli ultimi anni hanno scelto di adottare un micio a distanza o di regalare un’adozione a un amico, un parente o un conoscente. Per prendersi cura di un gatto bisognoso, infatti, non serve accoglierlo in casa. A volte, forme di allergia, un’abitazione piccola e poco adatta o anche semplicemente uno stile di vita frenetico non ci consentono di occuparci di un animale anche se lo desideriamo da sempre. Un gatto ha bisogno di cure e se non possiamo dedicargli le attenzioni che merita è preferibile optare per un altro genere di aiuto.
I gattili, in tutta Italia, sono quasi sempre sovraffollati. La loro gestione, autofinanziata e sostenuta da donazioni, è affidata per lo più ad amanti degli animali e a volontari che, nonostante l’impegno e la passione, non sono in grado di accudire tutti gli ‘abitanti’ del rifugio. Ecco perché l’adozione a distanza, anche se non prevede che il micio lasci il gattile per una vera e propria casa, rappresenta comunque un aiuto concreto al suo sostentamento. Cibo, visite mediche, vaccinazioni, tolettatura: chi decide di adottare un gatto sulla carta, si assume la responsabilità di tutto questo, consentendogli una vita dignitosa e l’opportunità di crescere o di vivere gli ultimi anni della sua esistenza nel modo migliore.
Per adottare un gatto è sufficiente rivolgersi a uno dei tanti gattili della propria città o alle associazioni locali che si occupano delle colonie feline, donando mensilmente una cifra simbolica che consentirà ai gestori di occuparsi delle specifiche esigenze dell’animale. In genere, dopo la prima offerta, i gattili rilasciano un ‘certificato di adozione’ e, mese dopo mese, i nuovi padroni adottivi potranno ricevere le foto del piccolo e ogni genere di informazione sul suo stato di salute e sulla sua crescita. Sono assolutamente consentite e auspicate visite da parte di chi sottoscrive l’adozione e ogni genere di intervento sul posto che possa migliorare e garantire il benessere del gatto.      
 




Il gigante supermercati