stampa la pagina

Le vaccinazioni



Una delle principali raccomandazioni dei veterinari è quella di vaccinare i propri cuccioli contro le quattro malattie canine più gravi che, spesso, risultano anche fatali: il cimurro (una malattia virale, che causa difficoltà respiratorie, gastroenteriche e nervose); l’adenovirus (che può determinare epatite infettiva e tracheobronchite); la parvovirosi (che provoca una sintomatologia gastroenterica con vomito e diarrea contenente sangue, e colpisce prevalentemente i cuccioli); e la leptospirosi (che porta problemi epatici e renali e si contrae venendo a contatto con le urine di animali infetti o portatori, come il topo e il ratto). Per essere certi che il medicinale funzioni e per sfruttarne appieno la copertura, è necessario che il cane si sottoponga a due serie di vaccini multipli: la prima all’età di 6-8 settimane e la seconda a 10 settimane, facendo intercorrere una distanza tra una serie e l’altra di 2/4 settimane. Il richiamo, invece, va fatto annualmente.
In alcuni Paesi, ad esempio, sono consigliate anche le vaccinazioni contro la rabbia che in altri, invece, sono richieste solo se l’animale va in vacanza all’estero. Tra le vaccinazioni accessorie è prevista quella per la Parainfluenza canina (l’immunità dura tre anni, dopo i quali bisogna ricorrere a richiami triennali) e per la Bordetella bronchispetica (consigliata solo in caso di reale rischio, come il soggiorno in pensioni, allevamenti o canili). Cure efficaci sono state messe a punto anche contro le pulci (l’agitazione, il prurito e macchie rosse e dolorose sono i sintomi più frequenti), per evitare degenerazioni più gravi come l’anemia. Il veterinario saprà suggerire i trattamenti più indicati tra cui: erogatori “spot-on”, trattamenti orali o per iniezione. Non vanno sottovalutati neppure i vermi (ascaridi e tenie le tipologie più diffuse) che possono seriamente danneggiare l’intestino provocando la denutrizione dell’animale. Gli antidoti più efficaci, in questo caso, sono pasticche o polveri da somministrare nel cibo.         
 




Il gigante supermercati