stampa la pagina

La scelta della razza: cose da considerare



Le razze tra cui scegliere certo non mancano e individuare al primo colpo quella adatta alle proprie esigenze non è affatto facile. Colore, aspetto, dimensioni: sono tutti elementi che vanno considerati attentamente prima di adottare un cucciolo, per essere certi che sia compatibile con il nostro stile di vita, con la casa che stiamo per offrirgli e con il tempo a nostra disposizione. Tutto dipende, dunque, dal tipo di vita che conduciamo: se sappiamo in partenza di non poterci prendere cura con costanza della sua tolettatura, sarà meglio optare per una razza a pelo corto. Ma non solo. Se disponiamo di una casa di piccole o medie dimensioni, anche la taglia del nostro cucciolo dovrà essere scelta di conseguenza. Non prenderemo un grosso cane che perde il pelo e fili di saliva se, pur avendo un’abitazione grande, non siamo intenzionati a vederla più disordinata, e a volte sporca, di come siamo abituati a tenerla.
Ci sono razze, inoltre, che hanno bisogno di tenersi più in esercizio: è meglio orientarsi su altro, quindi, se il tempo che abbiamo da dedicargli scarseggia. Anche il profilo economico non è da sottovalutare: stabilire se si è in grado di sostenere i costi del cibo e delle cure mediche è fondamentale. Alcuni cani, in particolare, risultano predisposti a determinate patologie e necessiteranno di maggiori attenzioni oltre che di controlli veterinari più frequenti. È bene sapere con anticipo anche che tipo di tendenza c’è alla compatibilità con altri animali, soprattutto se al momento dell’adozione ne abbiamo già uno o più di uno. Alcune razze, infatti, socializzano decisamente meglio di altre.
Infine, una delle problematiche più diffuse: l’allergia. Chi ne soffre, spesso, pensa che la causa di tutto sia il pelo, più o meno lungo. Ma non è sempre così. Anche gli allergeni presenti nell’urina, la saliva e la forfora canina possono provocare disturbi di questo genere. Il consiglio, in questo caso, è quello di parlare con il proprio medico per conoscere con anticipo i rischi a cui andiamo incontro.
 




Il gigante supermercati