Consigli ricette

PRODOTTI IL GIGANTE > RICETTE > I CONSIGLI DELLO CHEF > CONSIGLIO SCELTO >

stampa la pagina

Decorare le uova pasquali

UOVA DI PASQUA TRA STORIA E MITO
L’uovo è in tutto il mondo il simbolo della Pasqua. L’uovo ha da sempre rappresentato un oggetto sacro in quanto simbolo di vita e di rinascita. Se i pagani avevano osservato meravigliati la generazione di una nuova creatura da esso, presso i Greci, i Cinesi e i Persiani l’uovo era divenuto il dono da scambiarsi in occasione delle feste primaverili o dell’equinozio di primavera, assumendo la connotazione di vero e proprio emblema di vita e fertilità.
Il cristianesimo ha adottato l’uovo come allegoria principe per designare la resurrezione, quindi la nuova vita, del Cristo dalla tomba, così come il pulcino nasce ed esce da un guscio vuoto. Se poi consideriamo la data cristiana per la celebrazione della Pasqua, ci accorgiamo con stupore che questa coincide con la prima domenica successiva al plenilunio dopo l’equinozio di primavera, quando si compie il passaggio dall’inverno alla stagione della semina, quindi a nuova vita per la natura. L’usanza di scambiarsi le uova è pertanto divenuto un gesto benaugurale.
Per capire da dove derivi la tradizione di colorare e decorare le uova in occasione della Pasqua anche ai giorni nostri, dobbiamo fare riferimento ad una tradizione che fa capo alla religione cristiana: Maria Maddalena corse dai discepoli per annunciare che il santo sepolcro era vuoto e, Pietro, stupito dalla notizia, incredulo disse che avrebbe creduto alla notizia solo se le uova contenute nel cestino di Maria fossero divenute rosse. Ebbene, così avvenne.
In Grecia le uova rosse sono oggetto di scambio in onore del sangue di Cristo, in alcune regioni francesi uova colorate vengono nascoste per i bambini in giardino, nell’Europa orientale è diffusa la pratica di decorare le uova con motivi colorati e stilizzati, in Germania e Austria lo scambio di uova verdi avviene il Venerdì Santo.

UOVA SODE E UOVA VUOTE
Potete usare entrambe i tipi: le uova sode possono essere consumate, le seconde sono elementi decorativi semplici e originali. Per le uova sode: mettete in acqua fredda e portate a ebollizione le uova, lasciando in infusione per circa 20 minuti; togliete dal fuoco e fate raffreddare sotto acqua corrente. Nel secondo caso, prendete le uova, praticate anche con un ago o uno spillo due forellini alle estremità e soffiate con forza da una parte per far fuoriuscire il contenuto dall’altra. Potete poi procedere con il decoro o la colorazione.

COLORANTI NATURALI O SINTENTICI
Se desiderate mangiare le uova, potete ricorrere all’uso di ingredienti naturali e ottenere ottimi risultati in poche semplici mosse: mettete le uova in un pentolino e copritele con acqua fredda, unitevi un cucchiaio di aceto e l’ingrediente scelto per la colorazione opportunamente lavato e tagliato a pezzettini o piccoli cubetti.
In particolare: spinaci il verde chiaro, barbabietole per un rosa pallido, cavolo rosso per un blu violaceo, bucce di cipolla bionda per l’arancio, foglie di tè o zafferano per un giallino tenue, caffè per un beige o marrone.
Fate sobbollire per circa 30 minuti, togliete dal fuoco e lasciate raffreddare.
In commercio trovate in alternativa apposite tinture per alimenti che vi permettono di colorare le vostre uova a freddo, immergendole semplicemente in acqua fredda. Si consiglia di consumare subito.

MOTIVI FLOREALI
Procuratevi dei fiori o delle foglie dai bordi ben delineati. Lavate le uova con dell’aceto per prepararne la superficie, attaccate i decori spennellandoli sul guscio con un albume che fungerà da collante. Usate un pennellino per aiutarvi. Lasciate seccare all’aria aperta e riponete in un cestino di vimini.
Ottima variante: una volta seccate i decori, inserite le uova in collant, riponete in acqua fredda con prodotti per colorare e lasciate bollire per circa 30 minuti. Al termine, togliete dal fuoco, staccate delicatamente i fiori o le foglie e voilà il gioco è fatto.

FANTASIA
Svuotate il contenuto delle uova, sciacquate l’interno con dell’acqua che dovrete far uscire del tutto e chiudete i buchini con della pasta di sale. Maneggiate con cura per non rompere i gusci. Prendete della carta da decoupage con il decoro che preferite e ritagliatela in base alle dimensioni delle uova e al disegno che volete far apparire. Cospargete la carta con la colla dalla parte non stampata e applicatela sul guscio facendo aderire con delicatezza. Rifinite il lavoro con due mani di vernice flatting e otterrete un bellissimo effetto lucido.

CON LA CERA
Svuotate le uova. Fate sciogliere la cera a bagnomaria, aggiungendo eventualmente poco pastello grattugiato per ottenere la tonalità che desiderate. Passate le uova nella cera diverse volte, lasciate solidificare, fate dei decori con un pennino e scavate i solchi con uno scavino.


Il gigante supermercati
tutte le news