Consigli ricette

stampa la pagina

Cottura al cartoccio

La cottura al cartoccio consiste nell’avvolgere gli alimenti in un apposito involucro per sfruttare tutti i benefici del vapore che si crea e si mantiene al suo interno, alimentato dal calore del forno. I cibi conservano in questo modo tutto il sapore e gli aromi autentici.

ALLUMINIO O CARTA?
Potete utilizzare sia il foglio di alluminio che la carta oliata poiché entrambe resistono alle alte temperature e mantengono al loro interno il vapore necessario alla cottura.
In entrambe i casi, il cartoccio dovrà essere ben sigillato per evitare che il liquido di cottura fuoriesca. L’alluminio è più semplice da piegare e sigillare e risulta più gradevole alla vista.

CONDIMENTI
Se l’ingrediente di base è un pesce, è sufficiente insaporire con un pizzico di sale perché l’alimento, cocendo nel proprio grasso, mantiene gusto e consistenza.
Per le ricette a base di altri ingredienti, potete sbizzarrirvi con condimenti vari: dall’olio al burro, dal vino al limone, dalle verdure alle spezie.

QUALI ALIMENTI?
La cottura al cartoccio si addice a tutti i tipi di alimenti: pesce, carne, verdure, farinacei e frutta (soprattutto mele e pere). Potete persino mettere a cuocere prodotti congelati!
L’idea in più: considerate il grado di umidità proprio dell’alimento per evitare che il liquido in eccesso prodotto durante la cottura fuoriesca nel piatto del commensale una volta aperto il cartoccio. Le verdure presentano spesso questo inconveniente che può essere risolto forando la carta su un lato prima di servire per rimuovere il liquido in eccesso. Alcuni ingredienti si prestano bene ad assorbire i liquidi come ad esempio le patate.
Altri alimenti come il pollame, invece, tendono a seccarsi: per questo potete aggiungere un po’ più di liquido, senza esagerare.

PRONTO IN 5 SEMPLICI MOSSE
1. tagliate la carta in forma e misura sufficienti ad avvolgere l’alimento per intero ed ermeticamente;
2. adagiate l’alimento in una metà dell’involucro e, se richiesto o desiderato, aggiunte i condimenti;
3. ripiegate la carta fino a far combaciare i bordi, assicurandovi che non ci siano lembi di cibo scoperti;
4. ponete il cartoccio su una leccarda in modo che eventuali fuoriuscite di liquido vengano trattenute e inserite in forno pre-riscaldato;
5. Lasciate cuocere seguendo i tempi previsti dalla ricetta, facendo attenzione che la carta scurisca senza bruciacchiarsi.

TEMPERATURA E TEMPI DI COTTURA
Nel cartoccio potete posizionare alimenti crudi o parzialmente cotti solo da insaporire. La temperatura del forno deve essere in entrambe i casi uguale o superiore a 200°C.
Per i tempi di cottura, bastano circa 15 minuti per insaporire e arricchire l’alimento, mentre si allungano quando gli ingredienti sono ancora da cuocere.
I piatti consigliati da Il Gigante: orata al cartoccio e spaghetti ai frutti di mare.


Il gigante supermercati